content marketing strategy tourism

I vantaggi del content marketing per piccoli e medi operatori turistici

Il marketing e la comunicazione spesso e volentieri vengono confusi con quella pubblicità fastidiosa che interrompe la navigazione di un sito o un telefilm proprio sul più bello.

Peggio ancora c’è chi – grande o piccolo non importa – pensa che un investimento pubblicitario si riduca a un piccolo banner (magari graficamente discutibile) sul giornalino locale o proiettato sul muro della chiesa nella sagra del paese. Altri pensano sia sufficiente aprire una pagina FB e totalizzare 2mila mi piace in men che non si dica di paesani, amici, parenti e abitanti dei paesi limitrofi.

Di certo è importante essere presenti tra la propria gente e nella propria comunità (infatti se l’operatore fará qualcosa per il territorio sará il territorio stesso a fargli da ambasciatore) ma quando usiamo concetti come comunicazione e marketing turistico non intendiamo esattamente questo. Pianificare le azioni di marketing digitale della propria azienda significa avere una visione strategica dei propri obiettivi nonché un’approfondita conoscenza del mercato di riferimento, dei trend e delle opportunità per il settore. Che dobbiate stabilire un budget per fare le cose per bene è necessario. ma se si lavora di strategia e lungimiranza il marketing digitale conviene senza dimenticare che “your customer experience is your brand”. Ecco alcuni vantaggi lampanti di una strategia di marketing digitale.

  • Campagne misurabili a costi contenuti

Il web ha stravolto il mercato dell’advertising, infatti ogni investimento fatto sul web  – al contrario di quanto accadeva prima – puo’ essere misurato, analizzato e rimodulato grazie agli analytics. Che si tratti del sito web, del blog, dei social media, delle campagne di native advertisings avete a disposizione una marea di possibilità’ per analizzare il comportamento degli utenti e le performances degli investimenti fatti. Naturalmente per fare questo genere di cose bisogna avere delle competenze specifiche. Misurare le performance non significa contare i “mi piace” su Facebook e ci sono delle persone che fanno questo lavoro a cui dovreste rivolgervi.

  • Strategia di lungo periodo

Oltre l’80% di chi sta immaginando una vacanza usa internet come fonte primaria di ispirazione. I contenuti sul web sono come il vino, più buoni se invecchiano a patto che siano stati ottimizzati dall’inizio e si trovino all’interno di una cantina (sito) continuamente viva e che si aggiorna. Programmare piani editoriali avendo in mente i propri obiettivi di target e mercato è fondamentale per permettere di pianificare le attività in tempo. Il content marketing consente di raccontare il proprio brand, i prodotti offerti e il territorio in maniera multimediale. Per questo può essere importante essere presenti su tutti i fronti: testuale, video e fotografico in maniera coordinata e professionale.

  • Internazionalizzazione a costo quasi zero

Tradurre il proprio storytelling in una o più lingue permette di intercettare i mercati internazionali più rilevanti. Assicurare alla propria struttura una buona presenza sulle principali OTA (booking, TripAdvisor) allo stesso tempo favorisce la destagionalizzazione dei flussi turistici a patto che la cura delle descrizioni e delle foto sia ineccepibile e soprattutto che una volta contattati sia davvero intenzionato ad offrire l’esperienza e/ o il servizio. Non dimenticaare che l’utente ritorna su internet anche per valutarti e il passaparola elettronico è sempre più influente.

  • Brand reputation

Non sottovalutate il fatto che quella percentuale altissima di potenziali viaggiatori che cerca informazioni e ispirazioni su internet potrebbe lasciarsi condizionare nella sua scelta anche dal modo in cui vi presentate on line.  Ecco che una buona strategia di marketing digitale vi permette di costruire un’affidabile Brand Reputation senza spender un patrimonio. Ricorda che puoi essere il migliore imprenditore del mondo ma se mostri scarsa cura rispetto al modo in cui promuovi la tua struttura sul web potresti perdere qualche punto. Un sito lento, non responsive e con le immagini sgranate tanto quanto una pagina Facebook non aggiornata o che consiste esclusivamente in un flusso continuo di link (con l’URL in vista) o post scritti in maiuscolo. beh, sono un pessimo biglietto di visita.

E tu cosa ti aspetti dal web per il tuo business?